it-home

VERSO IL CONGRESSO MONDIALE ROMA 2022

Care amiche e colleghe,

come vi dicevo nel video di fine anno, che pubblichiamo anche qui nella nostra pagina web, voltiamo la pagina del 2021 ed entriamo a gamba tesa nel 2022, anno cruciale per noi, in quanto celebreremo il nostro XXIV Congresso a Roma dal 14 al 18 settembre, e spero tanto che si possa tenere in presenza.

Quando ho assunto la Presidenza, a metà del 2019, non immaginavo assolutamente – come del resto nessuno – che avremmo dovuto far fronte alla minaccia globale del Covid 19. Tuttavia, dopo un primo momento di smarrimento, siamo stati in grado di vincere la sfida del lockdown e di poter coordinare il supporto necessario per continuare a svolgere le nostre attività istituzionali attraverso le diverse piattaforme digitali disponibili.

Il contributo e la solidarietà delle nostre associate non sono certo mancati e sono stati messi a disposizione di questa Presidenza per continuare le nostre attività, permettendoci così di dimostrare che le difficoltà sono sempre uno stimolo. Grazie a relatrici di alto livello abbiamo svolto incontri sui temi che ci coinvolgono direttamente, come il sessismo nei media o il cyberbullismo contro le giornaliste stesse, nonchè temi inerenti al mondo femminile, come anche le diverse forme di violenza, la questione femminile, la pandemia, etc.

Allo stesso modo, abbiamo portato la voce dell’AMMPE in vari forum internazionali, l’ultimo lo scorso novembre a Barcellona, avendo così la possibilità di riflettere sul giornalismo da una prospettiva femminista con lo sguardo rivolto ad entrambe le sponde del Mediterraneo. Così anche nell’ evento “Aspettando le donne del G-20”, organizzato in Italia dal Comune di Santa Margherita Ligure in occasione del vertice dei leader mondiali, la cui versione ufficiale si è conclusa quest’anno con una specie di “foto di famiglia” in cui però, dopo il pensionamento di Angela Merkel, non c’è più la presenza di nessuna donna

Insieme e dai nostri schermi da tutto il mondo, ci rallegriamo e ci congratuliamo con la collega filippina Maria Ressa per il meritato premio Nobel per la Pace e denunciamo e solidarizziamo con le nostre colleghe aggredite in tutto il mondo, come Lucia Goracci, corrispondente della RAI italiana rapita e picchiata da una senatrice no-vax in Romania; o come Jenny Pérez, aggredita e minacciata dai seguaci del leader politico cileno José Antonio Kast a seguito di un’intervista per il canale tedesco DW.

Care amiche e colleghe, questo periodo è stato molto impegnativo e si concluderà con un’altra sfida: organizzare il nostro prossimo Congresso, sperando di ritrovarci a Roma. Da qui a settembre tutte le nostre attività e il nostro lavoro saranno orientati verso questo obiettivo con la stessa energia e – ne sono certa – con la stessa collaborazione da parte vostra dimostrata sin qui, perché nonostante le difficoltà, dobbiamo continuare a procedere perché, come ci ricorda Machado, il cammino lo comprendi solo percorrendolo!

Patricia Mayorga Marcos

Roma, 1 gennaio 2022